Prismi

Prismiprismi

I prismi in se stessi sono incapaci di di fornire immagini reali.

Prismi ad angolo retto

I prismi ad angolo retto sono spesso preferibili ad uno specchio inclinato perché è più facile da montare e deforma molto meno. Una trasmissione molto alta può essere raggiunta usando la faccia dell’ipotenusa totalmente riflettente internamente e ricoprendo le facce di entrata e di uscita dei cateti.

Prismi a porro

Il prisma a porro è generalmente usato come elemento eretto nei telescopi e nei binocoli. In molte applicazioni, due prismi a porro sono montati a ipotenusa con i bordi del tetto perpendicolari.

Prismi a colomba

I prismi a colomba sono usati come rotatori di immagine in una varietà di sistemi ottico-meccanici. Come il prisma è ruotato, l’immagine che passa attraverso ruoterà due volte la proporzione angolare del prisma. La luce di entrata deve essere parallela, in quanto la lunghezza del prima è generalmente 4 o 5 volte la dimensione dell’altezza. L’ipotenusa del prisma a colomba è la faccia che ha maggior area.

Prismi a tetto

I prismi a tetto deviano l’immagine attraverso un angolo di 90°. Questo è un prisma ad angolo retto del quale l’ipotenusa è stata rimpiazzata da un tetto a 90° totalmente riflettente internamente. Questi prismi trovano applicazione in casi dove è richiesto sia la deflessione dei raggi ad angolo retto che l’erezione dell’immagine.

Penta prismi

Il penta p. ha due importanti proprietà. La prima è che l’immagine non è ne invertita ne riversata. La seconda è che il penta prisma è un prisma di deviazione costante, ciò significa che la deviazione è indispensabile all’orientamento del prisma. Questi prismi vengono infatti usati in applicazioni dove subiscono vibrazioni e non possono essere controllati.

Prismi equilateri dispersivi

Sono usati come elementi dispersivi in strumenti che richiedono la separazione cromatica della luce. Un raggio di luce è rifratto due volte passando attraverso il prisma con una deviazione totale. La deviazione dipende dall’indice di rifrazione e dalla lunghezza d’onda.

Prismi a cuneo per direzionare il raggio laser

Questi prismi sono usati come elementi direzionanti nei sistemi ottici. La deviazione del raggio dipende dall’indice di rifrazione del vetro e dalla lunghezza d’onda.

Retroriflettori

I retroriflettori hanno la proprietà di riflettere tutti i raggi che entrano dall’apertura effettiva e di farli uscire dalla stessa faccia paralleli ad essi. Il raggio incidente è riflesso esattamente su se stesso. I retroriflettori, come i prismi ad angolo retto, dipendono dal principio della totale riflessione interna. La riflessione dipende molto dalla pulizia delle superfici.

Progettazione e produzione di poliedri in vetro ottico per ogni impiego e di qualunque forma. I prismi trovano il loro maggiore utilizzo nell’ambito della deviazione della luce e dell’immagine anche in abbinamento con vari tipi di specchi.
Argomenti correlati anche sul sito di Flavio De Paulis oltre che sulle principali enciclopedie on-line come wikipedia.